Category Archives: veneto

Il mitra, la Lega e la sinistra

Inutile cercare di controllarlo o renderlo presentabile, il razzismo prima o poi salta fuori quando è parte essenziale della propria identità, magari in un compiacente studio televisivo di un’emittente locale, come quello di Rete Veneta.
È successo la scorsa settimana all’assessore regionale ai flussi migratori, il leghista Daniele Stival, che alla domanda su come limitare l’ondata di profughi provenienti dal Nord Africa in fiamme ha risposto che è possibile: “ci riescono pure in Grecia, Spagna e Croazia, dovremmo riuscire anche noi usando il mitra”.
Anche Casini, nel 1999, e Bossi, nel 2000, avevano delirato sulla necessità di sparare su gommoni, scafisti, clandestini, ma l’ultima (solo in ordine di tempo) sortita dell’assessore ai flussi migratori della Regione del Veneto merita qualche riflessione in più, in quanto si colloca in una fase alquanto delicata per il leghismo attraversato dalle contraddizioni esistenti tra i vertici governativi del partito e una base che sempre meno comprende la sudditanza verso Berlusconi.
Così, mentre gli “inferiori” popoli magrebini insorgono e spodestano regimi, il rude “popolo padano” deve accontentarsi di un simulacro di federalismo, ingoiando tutto quello che gli passa il padrone.
Da sempre, nei momenti critici per la sua linea politica, la Lega Nord sposta l’attenzione del proprio elettorato sulle questioni dell’immigrazione e della sicurezza, indicando e indirizzando verso i “nemici esterni” sia i problemi sociali connessi alla situazione economica che le tensioni interne al partito. Esemplare, per cinismo, il commento di Bossi secondo il quale “Il rischio immigrazione aiuta Berlusconi e anche noi”.

Esiste, anche a sinistra, un filone interpretativo della nascita e dello sviluppo del leghismo che ritiene marginale il ruolo dell’intolleranza, inizialmente soprattutto contro i “meridionali”, declinata successivamente in vera e propria xenofobia e malcelato razzismo contro i disperati di turno (albanesi, africani, cinesi, rumeni, rom, sinti…); eppure, proprio questo aspetto risulta centrale e persistente nella costruzione dell’identità padana, ben più delle varie opzioni secessioniste, autonomiste, federaliste tanto che oggi nessuno ricorda tutta la propaganda attorno alla cosiddetta devolution.
Evidentemente, riconoscere questo DNA razzista significherebbe rendere impraticabile e disgustoso ogni compromesso politico tra la Lega Nord e i partiti del centro-sinistra che invece – vedi gli ultimi ammiccamenti di Bersani sul federalismo – da tempo corteggiano e inseguono il partito di Bossi, ritenendolo un mezzo giustificato dal fine di uscire dall’incubo berlusconiano.
Eppure proprio la Lega è stata in questi anni il miglior alleato prima di Forza Italia ed ora del PdL, non solo in termini di sostegno governativo e aperta complicità, ma soprattutto nell’inventare, amplificare, trasmettere quella paura sociale fondamentale per la costruzione dell’odio verso gli invasori senzapatria e, conseguentemente, per la delega del potere all’uomo forte che difende e tutela la comunità dai nemici, per l’appunto, extracomunitari.
Fomentare l’egoismo nazionalpopolare e attivare l’odio verso gli stranieri diventa in questo modo il mezzo più semplice per produrre un’identità collettiva, immaginaria quanto interclassista, basata sulla psicosi dell’assedio contro le orde barbariche che insidiano il benessere, la sicurezza e le tradizioni dei padani, degli italiani, della civiltà europea o persino dell’Occidente cristiano.
E, dentro questo film, pure le donne vengono ridotte al ruolo di utili comparse, quando si può soffiare sul fuoco dello stupro “etnico” oppure per osteggiare le “innaturali” unioni miste, ricalcando le teorie neonaziste contro il “meticciato”.
Parallelamente, la destra ha continuato ad evocare – secondo lo schema adottato dal fascismo durante la guerra – il pericolo rappresentato dai “comunisti” ossia il nemico interno che tradisce la patria, aprendo le porte all’invasione straniera, col recondito scopo di sovvertire l’ordine e stravolgere i valori della “nostra” società.
Attorno a queste allucinazioni, è allarmante constatare il consolidamento di un blocco sociale-culturale d’impronta fascista destinato a sopravvivere anche alla caduta del berlusconismo, in quanto la logica legalitaria, lo stereotipo razziale e l’avversione verso ogni diversità ormai pervadono anche settori che per cultura egualitaria, coscienza di classe o appartenenza politica, dovrebbero riconoscere e rigettare la discriminazione comunque mascherata.
Continue reading

Posted in cronache, veneto | Tagged , , | Leave a comment