Monthly Archives: novembre 2010

Rilanciamo la lotta contro il CIE di Gradisca

È questo il titolo del volantino distribuito dai compagni/e del Coordinamento Libertario Regionale contro i CIE venerdì sera a Zugliano (UD) fuori dalla sala dove si svolgeva la presentazione del rapporto di Medici Senza Frontiere sui CIE.
Qui puoi leggere il volantino e la rassegna stampa.
Continue reading

Posted in C.I.E., gradisca, rassegna stampa, volantini | Tagged , | Leave a comment

Egitto/Israele. Un altro muro

L’ultimo di cui sappiamo lo hanno ammazzato l’11 novembre. Aveva solo ventun’anni e fuggiva dalla guerra infinita che sta inghiottendo le vite di tanti giovani eritrei. Ma la guerra, quella contro immigrati e profughi, lo ha raggiunto ad un passo dal confine tra Egitto ed Israele. La polizia di frontiera egiziana gli ha sparato nel deserto del Sinai.
I giovani eritrei sono obbligati ad un servizio militare senza fine. Molti disertano e sono disposti a tutto pur di non tornare indietro. Chi viene riacciuffato è torturato atrocemente. “Non uccideteli. Se muoiono non soffriranno abbastanza”: sono le parole rivolte ai colleghi da una guardia carceraria eritrea.
Dopo gli accordi tra Italia e Libia per i respingimenti in mare di profughi e immigrati sono sempre di più quelli che provano la nuova rotta, aperta dai rifugiati dal Darfur, dopo la strage del 30 dicembre 2005. Quel giorno l’esercito egiziano assalì 3.500 sudanesi disarmati che da tre mesi erano accampati in segno di protesta nel parco “Mustafa Mahmoud”, al Cairo, non lontano dagli uffici dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Fu una strage. Tra i 25 morti c’era anche una bambina di quattro anni. Da allora i sudanesi del Darfur, cui è negato lo status di rifugiati, non provano più a rimanere in Egitto e tentano la strada per Israele.
Una traversata pericolosa come quella del mare, tra un deserto e guardie pronte a sparare.

Israele, dopo una breve stagione di accoglienza, ha deciso di sigillare le proprie frontiere. Con un Muro. Un altro muro delle vergogna, simile a quello costruito in Cisgiordania, verrà eretto lungo 110 dei 240 chilometri di confine con l’Egitto. La costruzione è cominciata il 22 novembre.
Non sappiamo se raggiungerà lo scopo di tenere fuori i 700 immigrati che ogni settimana provano a passare la frontiera. Sappiamo tuttavia che altri ragazzi vedranno spegnersi contro quel muro le loro speranze.

Sappiamo anche che le tariffe dei mercanti d’uomini sono destinate ad aumentare. È del 25 novembre la denuncia dell’associazione Habeshia diffusa dall’agenzia Amisnet di “ottanta profughi eritrei sequestrati al confine tra Egitto e Israele.” Pare siano partiti dalla Libia, pagando duemila dollari, ma ora i passeur pretendono di più.”
“Sono tenuti legati con le catene ai piedi, non hanno acqua per lavarsi da venti giorni, sono segregati in case nel deserto del Sinai, sotto minaccia di morte se non pagano ottomila dollari ai trafficanti di uomini”. La denuncia arriva dall’associazione Habeshia.
Leggi l’articolo pubblicato da PeaceReporter e quello comparso su Il pane e le rose
Continue reading

Posted in cronache, rassegna stampa | Tagged , , , | Leave a comment

Reggio Emilia. Un fronte contro la truffa della sanatoria

Sabato 27 novembre. Continua la campagna informativa per denunciare e costruire un fronte di mobilitazioni contro la Sanatoria Colf e Badanti (sanatoria truffa).
In piazza Prampolini si è svolto un presidio con distribuzione di volantini per lanciare la due giorni di dibattiti, musica e cibo che si terranno sabato e domenica 4 e 5 dicembre in una apposita tenda in piazza Prampolini.
Leggi qui il volantino distribuito per l’occasione.
Continue reading

Posted in cronache, reggio emilia | Tagged , | Leave a comment

Torino. Gli immigrati alzano la testa

Sabato 27 novembre. In piazza contro la truffa della sanatoria “colf e badanti”. Ma non solo. In piazza contro l’intero mosaico normativo costruito per asservire e ricattare i lavoratori stranieri. Contro vecchi e nuovi pacchetti sicurezza, contro i CIE, contro i militari in strada, contro il permesso a punti, l’ultima trovata – ormai ai blocchi di partenza – per piazzare altre trappole sulla strada di chi emigra nel Bel Paese per afferrare un’opportunità di vita.
Il corteo – indetto dalla Rete “10 luglio antirazzista” – partito da Porta Nuova intorno alle 15 – ha attraversato le strade di S. Salvario per poi dirigersi in centro e concludersi davanti al Palazzo della Regione Piemonte.
Dietro allo striscione “Torino è antirazzista” c’erano le associazioni degli immigrati e i sindacati di base, i centri sociali e gli occupanti di case, gli studenti in lotta e i rifugiati, c’erano le formazioni nate dalla diaspora comunista. Duecento compagni e compagne hanno dato vita allo spezzone dell’anarchismo sociale aperto dallo striscione “La dignità non chiede permesso. Nostra patria è il mondo intero”. Con gli anarchici ha sfilato anche una delegazione del coordinamento immigrati di Alessandria e provincia.
Ben oltre il migliaio i partecipanti, che, negli interventi e negli slogan, hanno puntato l’indice contro una legislazione che strangola le vite degli stranieri, asservendoli al lavoro “che rende liberi”, perché solo chi ha un lavoro regolare ha il diritto legale di risiedere in Italia. Molti, troppi, sono obbligati a chinare la testa per non perdere il lavoro e, quindi, anche i documenti. Chi, invece, un lavoro regolare non c’è l’ha, vive nel limbo degli irregolari, degli apolidi di ogni tempo, sempre all’erta, sempre a rischio di essere scoperto, chiuso in un CIE e poi deportato.
Gli immigrati e gli antirazzisti lo hanno detto e gridato con forza: “è la legge che crea i clandestini”. I clandestini sono utili, utilissimi: chi dice di non volerli, chi dichiara che li getterebbe tutti a mare, in realtà non può fare a meno di loro. Costano poco e faticano tanto. Finché dura è una pacchia per i padroni che lucrano sulle vite di tutti i lavoratori. Non importa se stranieri o italiani: ai padroni interessa il colore dei soldi, non quello della pelle.
Il corteo di ieri a Torino è uno dei tanti segni, grandi e piccoli, che gli immigrati stanno alzando la testa: sono stanchi di aver paura e cominciano a pensare che è tempo di fare paura.
La strada è tanta e tutta in salita. Di questi tempi occorre puntare al cielo per restare in piedi, per porre la basi per spezzare questo sistema di oppressione sfruttamento. Continue reading

Posted in cronache, lavoro, torino | Tagged , , , , | Leave a comment

Antirazzisti al Torino Film Festival

Torino, venerdì 26 novembre. Serata inaugurale del TFF con tanta gente ben vestita e camionette dei carabinieri in assetto antisommossa all’ingresso. Mentre la digos era impegnata con gli studenti universitari giunti in corteo da Palazzo Nuovo occupato, gli antirazzisti, rapidi ed elegantissimi nei loro giacconi invernali, sono entrati nel teatro.
Di fronte al pubblico della platea è stato aperto lo striscione “Torino è antirazzista”, dai palchi in alto è stato appeso lo striscione “contro la sanatoria truffa – permesso di soggiorno per tutti”. Un lungo applauso ha accolto l’arrivo degli antirazzisti e l’intervento letto da un giovane immigrato.
All’uscita gli antirazzisti si sono uniti agli studenti e in corteo spontaneo hanno raggiunto la sede delle facoltà umanistiche. Continue reading

Posted in cronache, torino | Tagged , , | Leave a comment

Cie di Gradisca. Cosa nascondono?

La situazione dentro il lager dev’essere persino peggiore di quanto trapela all’esterno. Basta pensare che, pochi giorni dopo aver negato una visita alla CGIL, non hanno lasciato entrare nemmeno un consigliere regionale. La situazione al CIE di Gradisca sta facendo incazzare anche sindacati e strutture politiche che altrove – … Continue reading

Posted in cronache, gradisca, rassegna stampa | Leave a comment

Torino. Immigrati contro la truffa della sanatoria

Mercoledì 24 novembre, fronte del lavoro. Oltre duecento persone, in buona parte immigrati, si sono dati appuntamento davanti alla Prefettura per un presidio contro la sanatoria truffa e il permesso a punti. Slogan, tamburi, e tanta rabbia per chi, nella sanatoria colf e badanti dello scorso anno, aveva intravisto una via di fuga dalla clandestinità, dalla vita sotto ricatto, dal lavoro nerissimo e pericoloso.
Una delegazione di immigrati è stata ricevuta in prefettura.
Al ritorno hanno riferito che al momento le domande dei truffati sono ferme. Probabilmente il governo aspetta che la situazione si calmi prima di far ripartire la macchina. Nel frattempo gli immigrati continuano a pagare i contributi, aspettando un pezzo di carta che molti non avranno.
Nell’assemblea di piazza che ha concluso la manifestazione tutti si sono dati appuntamento a sabato 27 – ore 14 da Porta Nuova – per il corteo cittadino promosso dalla Rete “10 luglio antirazzista”. Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, lavoro, torino | Tagged , , , , , | Leave a comment

Cie di Gradisca. Rivolta quotidiana. Un arresto

È tornata calda anzi caldissima la situazione nella struttura isontina. Dopo le tensioni dei giorni scorsi non accenna a calmarsi la situazione dentro il CIE. Tutto questo agitarsi dei reclusi sta continuando a far innervosire sbirri e istituzioni che si chiedono preoccupati che cosa potrebbe succedere se il centro – dopo lo svuotamento e i lavori – tornasse a piena capienza. Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, gradisca, rassegna stampa | Tagged , , | Leave a comment

Milano. In duemila con quelli della torre

Sabato 20 novembre. Un corteo ha attraversato le strade del quartiere, rendendo visibile la condizione drammatica dei lavoratori immigrati a Milano. La manifestazione, partita dal presidio sotto la torre della ex “Carlo Erba”, in via Imbonati, dopo un ampio giro nel quartiere, vi ha fatto ritorno. Spezzato il tentativo di Comune, Provincia e Regione di isolare i tre immigrati che resistono lassù dal 5 novembre. Continue reading

Posted in cronache, milano | Tagged | Leave a comment

Torino. Niente cure per chi si fa male

Dopo le proteste e i gesti di autolesionismo di venerdì, sabato 21 novembre altri ragazzi si cuciono la bocca, ingoiano oggetti e vengono posti in isolamento. Domenica 22, nell’area rossa, dove erano stati concentrati i prigionieri evacuati dalla gialla, alcuni detenuti cominciano uno sciopero della fame.
La mattina successiva la polizia sequestra i telefonini nell’area rossa per impedire i contatti con l’esterno.
Nel pomeriggio alcuni prigionieri si tagliano con una lametta mani e piedi per protestare per la mancata assistenza a chi si era cucito le labbra o ingoiato pile.
I centralini del CIE sono intasati dalle telefonate degli antirazzisti che esprimono la loro indignazione.
Continue reading

Posted in C.I.E., torino | Tagged , , , | Leave a comment

Milano. Blocco alla Billa: la polizia carica e pesta

Sabato 20 novembre. I lavoratori della cooperativa CLO, che ha in appalto i magazzini Billa di Villamaggiore, in lotta da mesi, bloccano la strada cha porta ai magazzini. Sono tre del mattino: a quell’ora arrivano i camion del freschissimo. Polizia e carabinieri, che di solito facevano fare il lavoro sporco ai caporali della coop, questa volta attaccano direttamente e pestano duro.
Il coordinamento di sostegno alle lotte nelle cooperative lancia per lunedì 22 una giornata di boicottaggio dei magazzini Billa. Continue reading

Posted in cronache, milano | Leave a comment

CIE di Bologna. Idranti dell’esercito contro reclusi e antirazzisti

Domenica 21 novembre. Al CIE di via Mattei c’era un presidio in solidarietà ai migranti reclusi. Come in altre occasioni, i manifestanti tentavano di comunicare con l’interno dall’impianto di amplificazione. Stavolta però, intorno alle 17,30, i soldati dell’esercito che, insieme … Continue reading

Posted in cronache | Leave a comment

Milano. Sul tetto del CIE

Milano, sabato 20 novembre. Al CIE di via Corelli, mentre un corteo antirazzista attraversa la città, i reclusi salgono sul tetto. Il vicesindaco di Milano, De Corato, dichiara a caldo “In via Corelli è in atto l’ennesima protesta da parte … Continue reading

Posted in cronache | Leave a comment

Cie di Gradisca: tentativi di fuga e autolesionismo

Fra venerdì 19 e sabato 20 novembre nuovo tentativo di fuga dai tetti, questa volta purtroppo sventato. Inoltre, come sta succedendo anche in altri centri in questi giorni, ci sono stati diversi episodi di autolesionismo fra i detenuti.
Continue reading

Posted in C.I.E., gradisca, rassegna stampa | Tagged , , | Leave a comment

Trieste. Contro la sanatoria truffa. Ma non solo

Sabato 20 novembre. Il corteo, circa trecento tra immigrati e italiani, ha attraversato le strade della città, con numerose soste e tanti interventi per far sentire la voce di chi lotta contro l’asservimento del lavoro migrante e la truffa della sanatoria colf e badanti. Un meccanismo infernale che ha il suo coronamento nei CIE e nella macchina delle espulsioni.
Più invadente del consueto il dispiegamento di polizia. Continue reading

Posted in cronache, trieste | Tagged , | Leave a comment

Torino. Bocche cucite al CIE

Torino 19 novembre. Riparte, forte e disperata, la protesta nel CIE di corso Brunelleschi. Nella tarda mattinata un recluso si cuce la bocca per protestare contro il prolungarsi della detenzione: lo mettono subito in isolamento. Non riescono tuttavia a bloccare il diffondersi della protesta. Nel tardo pomeriggio tre immigrati si cuciono le labbra, altri due ingoiano pile.
In serata presidio al CIE. I quattro immigrati vengono portati in ospedale e poi rilasciati con foglio di via.
La mattina dopo si cuciono altri sei, altri due ingoiano oggetti e detersivo. Vengono tutti posti in isolamento e parte una perquisizione. Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, torino | Tagged , , | Leave a comment

Torino. Fini e Olivero, compagni di merende

Torino 19 novembre. Una ventina di compagni della Rete “10luglioantirazzista” si sono dati appuntamento al Sermig, dove era atteso il presidente della Camera, il (post)fascista Fini. Aperto uno striscione in cui campeggiava la scritta “Fini fa i clandestini, Olivero ci fa i quattrini” hanno accolto rumorosamente Fini. Carabinieri e digos di sono schierati a difesa del corteo di auto blu.
Continue reading

Posted in cronache, torino | Tagged , | Leave a comment

Una storia sbagliata. Il rapporto del Medu sul CIE di Roma

il rapporto di Medici per i diritti umani – MEDU – sul CIE di Ponte Galeria, visitato, tra mille difficoltà, nell’ottobre di quest’anno.
“Il centro presenta l’aspetto di una struttura penitenziaria. Il perimetro del CIE è delimitato da alte mura ed è posto sotto la vigilanza delle forze di pubblica sicurezza.
All’interno, le aree maschili e femminili sono delimitate da recinzioni costituite da sbarre alte 5 metri.” Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, rassegna stampa, roma | Tagged , , | Leave a comment

Bari. Sommossa, incendio, due arresti

18 novembre 2010. Due immigrati tentano la fuga ma vengono intercettati ed arrestati. Nel tardo pomeriggio scoppia una sommossa, i reclusi si scontrano con la polizia, due moduli abitativi sono distrutti dalle fiamme. Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, rassegna stampa | Tagged , , | Leave a comment

Dopo la gru. Ancora una rappresaglia

Mohamed detto “Mimmo”, attivissimo nelle lotte degli immigrati bresciani, questa mattina è stato prelevato dalla cella di isolamento al CIE di via Corelli e condotto in aeroporto. A nulla sono valse le pressioni del suo avvocato e l’azione solidale degli antirazzisti milanesi che hanno occupato gli uffici aeroportuali di Egypt Air, la compagnia complice della deportazione.
Il volo, delle 14,05, è partito con a bordo il suo bottino di guerra. La guerra dello Stato italiano contro gli immigrati che alzano la testa. Continue reading

Posted in brescia, C.I.E., cronache, milano | Tagged , , , | Leave a comment