Cie di Gradisca. Si naviga a vista

“Cie di Gradisca. Si naviga a vista” Così scrivono i giornali locali in questi giorni. nonostante un’estate tranquilla il fuoco continua a covare sotto le ceneri. 
Nella notte tra domenica e lunedì sette tunisini hanno tentato di darsela a gambe. Il tentativo di fuga sarebbe stato preceduto preceduto da un principio di rivolta sedato dalla polizia con le consuete buone maniere. 
La tentata fuga è avvenuta nella “zona rossa” appena ristrutturata e, quindi, in teoria, avrebbe dovuto essere “sicura”. Il nuovissimo allarme non ha funzionato con grande disappunto dei sindacati di polizia che ironicamente dicono: “Ora gli ospiti scappano in 15 secondi anziché in 7 come una volta”.
Altra nota dolente sono le condizioni della struttura. Se infatti i lavori di sistemazione paiono procedere i dipendenti del consorzio Connecting People lamentano: «Sono mesi che ogni qual volta piove, entra l’acqua e crea dei grossi disagi ma dopo le ultime piogge la situazione si è aggravata: il controsoffitto è caduto a pezzi e il centralino, zona nella quale ci sono varie apparecchiature con presa elettrica, si è completamente allagato, rendendo l’ambiente molto pericoloso». A ciò si aggiungono i continui ritardi nell’erogazione dei salari. E’ stato confermato che il cambio di gestione è congelato a inizio del prossimo anno. Riassumendo: immigrati che si incazzano e cercano di evadere, lavori di ristrutturazione che non paiono servire a nulla, condizioni della struttura pessime, paghe che non arrivano e cambio di gestione bloccato. Il 2011 continua a non essere un buon anno per il CIE di Gradisca. Speriamo che peggiori.
Leggi qui la rassegna stampa di questi giorni.

This entry was posted in C.I.E., cronache, gradisca. Bookmark the permalink.