La Regione Marche ribadisce il no al CIE

20 luglio 2010. Maroni lo vorrebbe fare a Falconara Marittima, nel compendio demaniale di via Fossatello, già area logistica esterna a servizio dell’ex aeroporto militare. Il presidente della Regione Spacca, in una lettera inviata al Ministro dell’Interno ha ribadito che “la Regione è indisponibile a condividere con il Governo la scelta di realizzare un Cie nel suo territorio”, anche se Maroni ne vorrebbe uno in ogni regione.

“La Regione Marche – ricorda Spacca – ha da tempo manifestato perplessità e contrarietà alla costruzione nel proprio territorio di centri di identificazione ed espulsione in cui accogliere temporaneamente gli stranieri sottoposti a provvedimenti di espulsione o respingimento. Tale posizione è stata rappresentata anche attraverso atti ufficiali”.
Spacca fa sapere a Maroni che il 24 novembre 2009 “l’Assemblea legislativa regionale ha approvato un ordine del giorno in cui si dichiara che ‘il trattenimento dei cittadini immigrati in attesa di identificazione si è rivelato essere un trattamento ai limiti della legalità, causa di dispersioni di famiglie e fenomeni di autolesionismo e suicidio, e che va comunque considerato lesivo dei diritti umani e fuorviante negli scopi che persegue’, impegnando di conseguenza la giunta a opporsi ‘nei modi e nelle forme stabilite dalla Costituzione, alla realizzazione nelle Marche di centri di detenzione per migranti, quali i centri di identificazione ed espulsione, in cui la limitazione della libertà personale sia disposta al di fuori del medesimo quadro di garanzie previste per i cittadini italiani”.
Per la giunta marchigiana, “anche il tempo di permanenza nelle strutture (fino a sei mesi) rischia di configurarsi come il superamento dell’elemento di temporaneità tipico dei centri, con un aggravio di costi per lo Stato e una maggiore difficoltà a gestire i conflitti dovuti alla restrizione della libertà personale degli ospiti”.

Belle parole. Peccato che Spacca, esponente di punta del PD marchigiano, dimentichi che i CIE, allora CPT, sono stati istituiti da una legge del 1998, firmata da due suoi compagni di partito, l’ex ministro Livia Turco e l’attuale presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
Come mai oggi il CIE è considerato un luogo “lesivo dei diritti umani e fuorviante negli scopi che persegue”. Forse il passaggio all’opposizione affina la capacità critica? O magari vale il principio che sotto casa questi posti non li vuole nessuno. Nemmeno chi appartiene al partito che li ha aperti.

This entry was posted in C.I.E., marche and tagged , . Bookmark the permalink.