Daily Archives: 20 Luglio 2011

GFE. Una lotta di tutti, una sconfitta di tutti

Mercoledì 13 luglio si è conclusa la lotta dei lavoratori della GFE. Una sconfitta, una sconfitta che brucia dopo quasi un anno di scioperi, presidi permanenti, scioperi della fame e della sete e iniziative di solidarietà.
L’accordo prevede l’assunzione prioritaria alla SNATT per un massimo di 80 lavoratori su 180. Il vice presidente della Provincia si fa garante che gli 80 rinunceranno alla causa civile in corso contro l’azienda.
Gli altri 100 lavoratori verranno “spalmati” tra altre cooperative di LegaCoop, dove spesso le condizioni di lavoro sono appena migliori che alla GFE.
Non vi è un impegno preciso all’applicazione del contratto nazionale (finora è stato applicato il contratto UCI, decisamente peggiore del nazionale). C’è solo una generica dichiarazione di intenti per “un adeguamento al contratto nazionale siglato dai sindacati confederali”.
Dopo la firma dell’accordo e l’approvazione da parte dei lavoratori le istituzioni locali (provincia in primis), la CGIL e i padroni hanno fatto dichiarazioni trionfali.
La sconfitta dei lavoratori disinnesca una bomba sociale che rischiava di fare da detonatore nelle tante situazioni lavorative simili alla GFE.
Dicono che l’accordo sia frutto di trattative durate un’intera giornata e che sia stato approvato dalla maggioranza (5 voti contrari e 70 favorevoli) dei lavoratori.
La verità è un’altra. L’accordo era stato concepito da giorni, le centrali sindacali ne erano al corrente e stavano lavorando ai fianchi i lavoratori in lotta. Un gioco sporco che mirava a dividerli, mettendo in cattiva luce chi dava loro sostegno al di fuori della CGIL. Un accordo imposto spaventando i lavoratori, stremati dopo una lotta lunghissima. Proprio il giorno prima si era scatenato il panico perché ad alcune famiglie di lavoratori erano state tagliate, per morosità, luce ed acqua. Un caso?
Il PD e la CGIL si sono schierati dalla parte del padrone, per l’armonia sociale, perchè c’è la crisi e bisogna tutti tirare la cinghia e fare sacrifici.
Il sindacato non ha voluto generalizzare la lotta della GFE, che doveva essere una lotta di tutti e rischiava di innescare un processo di scardinamento del sistema di sfruttamento cooperativo che regge buona parte dell’economia emiliana. Si è fatto di tutto perché questi lavoratori si sentissero isolati, trasformando una questione sociale generale in un problema circoscritto ai soli lavoratori della GFE.
Questa vicenda mostra, se mai ce ne fosse bisogno, che le lotte, per avere una possibilità di vittoria, devono essere condotte dai lavoratori stessi, senza deleghe. Continue reading

Posted in lavoro, reggio emilia | Tagged , | Leave a comment

Fuga da Milo

Trapani, 20 luglio. Sono almeno 20 gli immigrati fuggiti dal nuovo Centro d’Identificazione ed Espulsione di contrada Milo, inaugurato pochi giorni fa, nella periferia di Trapani.
La notizia è stata diffusa in una nota del sindacato di polizia Siulp che, pur non avendo alcuno scrupolo morale a fare i secondini, tuttavia vorrebbero starsene più tranquilli.
Nel territorio di Trapani, attualmente, sono attivi il vecchio CIE “Serraino Vulpitta”, la nuova struttura di Milo, e la tendopoli di Kinisia, momentaneamente vuota.
Di seguito il bel comunicato del Coordinamento per la Pace di Trapani

Se vince l’umanità
Ancora una volta l’umanità ha vinto. Le fughe di immigrati dal nuovo Centro d’Identificazione ed Espulsione di contrada Milo dimostrano che l’insopprimibile bisogno di libertà è più forte di qualunque cinico efficientismo repressivo. Sapere che da Milo è possibile scappare significa ridare una speranza a questa città ridotta a un carcere a cielo aperto.
Il nuovo mega-lager di Trapani (una struttura costata un mare di soldi, concepita secondo i più moderni criteri in materia di segregazione) è un mostro di cemento e ferro circondato da sbarre, fatto apposta per contenervi centinaia di esseri umani colpevoli soltanto di essere nati dalla parte sbagliata del mondo (almeno secondo i criteri di chi dispone delle vite di noi tutti).
Da oggi il CIE di Milo, questo mostro di cemento e ferro, fa un po’ meno paura. Ma quando sarà chiuso, insieme al “Serraino Vulpitta” e alla tendopoli di Kinisia, sarà sempre troppo tardi.
Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, sicilia, trapani | Tagged , , | Leave a comment