Ponte Galeria in Fiamme, Gradisca in rivolta

Continuano senza sosta le rivolte nei CIE. In questi giorni è la volta dei lager di Roma e Gradisca.  Minimo comune denominatore la voglia di uscire dalle gabbie in cui sono costretti i detenuti ed opporsi al meccanismo razzista delle deportazioni forzate. Il 18 febbraio un migrante nigeriano si è opposto alla sua espulsione dal Cie di Ponte Galeria a Roma. Victor, un ragazzo di 29 anni, non vuole tornare in Nigeria e così decide di resistere. A suo supporto altri reclusi rivolta-cie-romacominciano e protestare e la polizia interviene duramente: al fuoco materassi e tavolini. Una nube di fumo si è alzata dal centro, alcuni migranti sono saliti sui tetti. Poco dopo la vendetta: manette ai polsi per 8 nigeriani. I danni sono stati ingenti. La rivolta a Ponte Galeria è avvenuta proprio nel giorno in cui era stata programmata la visita di alcuni giornalisti di testate nazionali che avrebbero docuto mostrare le condizioni di vita all’interno del Centro.
A Gradisca invece in cinque riescono a fuggire e a darsi alla macchia dopo uno scontro a suon di sprangate con la polizia che ha coinvolto decine di reclusi. Più tardi altri immigrati danno fuoco ai materassi. Leggi qui la rassegna stampa completa.

This entry was posted in C.I.E., gradisca, rassegna stampa, roma. Bookmark the permalink.