Lampedusa strage di stato

mare-nostrumCorpi in eccesso.
359 bare allineate in un hangar per dare una parvenza di dignità alle ultime vittime della frontiera sud della Fortezza Europa. I sacchi neri, che a Lampedusa sono sempre pronti, non potevano reggere la prova della telecamera, il ginocchio piegato di Letta, il cordoglio di Barroso e Alfano, il lutto nazionale, l’indignazione degli assassini che hanno deciso di accendere i riflettori su uno dei tanti episodi della guerra ai poveri.
Sullo sfondo i pescatori che fuggono le telecamere perché sanno che chi tira fuori dall’acqua qualcuno rischia l’incriminazione per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e il sequestro della barca, del lavoro, del futuro. Le immagini dei giornalisti a caccia di “eroi” potrebbero essere usate da qualche solerte magistrato. Nei lunghi anni di questa guerra nascosta chi ha teso la mano nell’usuale solidarietà di chi solca il mare spesso è incappato nelle maglie della giustizia.
Amara come fiele l’indignazione del governo per l’incriminazione dei superstiti, come se chi governa non sapesse che l’ordinamento lo impone.

Anarres ha chiesto un commento a caldo ad Alberto La Via, un antirazzista siciliano, che in questi anni ha visto il Mare di Mezzo farsi sudario per i corpi cui la ferocia delle frontiere avevano sottratto la vita.
Ventimila quelli che qualcuno ha visto partire da uno dei tanti sud e non tornare mai più. Certo di più quelli di cui non si è avuta alcuna notizia.
Ascolta la diretta

Proponiamo anche questo articolo, sempre di Alberto, tratto dal n.30 di Umanità Nova.

Altri approfondimenti sempre su Anarres

This entry was posted in cronache, sicilia, testimonianze and tagged , , , . Bookmark the permalink.