Daily Archives: 4 Marzo 2011

CARA di Gradisca. Verso la deportazione di massa a Mineo?

Venerdì 4 marzo. I segnali ci sono tutti. Ai richiedenti asilo del CARA di Gradisca sono stati tolti accendini e i telefoni cellulari dotati di fotocamera o videocamera. Se qualcuno non vuole farsi sequestrare l’apparecchio i poliziotti rompono l’obiettivo.
Il CARA della cittadina isontina è limitrofo al CIE, ormai inagibile dopo le rivolte della scorsa settimana, dove tuttavia sono ammassati come bestie un centinaio immigrati senza carte.
Maroni non vuole mollare ma sa bene che la situazione è diventata insostenibile.
La via d’uscita per il ministro leghista potrebbe essere proprio il CARA di Gradisca, prontamente svuotato dei suoi ospiti, e pronto per una rapida riconversione a CIE. Il Centro per richiedenti asilo può ospitare sino a 150 persone.
Ma non solo. L’accordo per l’utilizzo come CARA del residence Aranci di Mineo è ormai stato concluso con buona soddisfazione della ditta Pizzarotti e del governo italiano. Il residence “Aranci”, già utilizzato dai militari statunitensi di stanza a Sigonella, è già stato riconvertito da militare e civile. Fonti varie sostengono che a Mineo il nuovo CARA potrebbe presto aprire i battenti.
Dello stesso avviso gli attivisti della “Tenda per la pace e i Diritti di Gorizia”, che scrivono: “Al CARA si applicano le stesse regole del CIE. Trasferimenti in vista?

Il divieto dell’utilizzo e della detenzione di accendini significa costanti perquisizioni ad ogni ingresso nella struttura nei confronti di richiedenti asilo che, ricordiamo, secondo la legislazione italiana e le direttive europee, non possono essere trattenuti in stato detentivo.
Nel “centro di accoglienza”, inoltre, oltre alle perquisizioni di sigarette e accendini si è inasprito il controllo dei telefoni cellulari con fotocamere e videocamere. Eventuali proprietari di queste tecnologie hanno la libertà di scelta fra il sequestro dell’apparecchio o il danneggiamento dell’obiettivo da parte delle autorità preposte al controllo. Un bel colpo secco sulla telecamera. Si tratta di modalità piuttosto strane di dimostrare accoglienza.
Si stanno forse già implementando le prime misure del piano del Ministro dell’Interno per far fronte all’incremento degli ingressi dal Nord Africa? Al termine del consiglio dei ministri, Maroni ha annunciato che il Consiglio ha dato “il via alla realizzazione del Villaggio della solidarietà a Mineo”, in una struttura privata di proprietà della Pizzarotti S.p.A. Secondo il governo italiano, il supercentro di Mineo, farà da “modello di eccellenza in Europa nell’accoglienza dei richiedenti asilo”. Il modello prevede il trapianto dei richiedenti asilo attualmente ospitati nei Cara e dunque dislocati in diverse località italiane nella residenza siciliana, completamente isolata da ogni centro abitato dei dintorni ma attorno alla quale già si stanno costruendo sistemi di recinzione e di videosorveglianza…”

Agli antirazzisti il compito di attivarsi affinchè questo agghiacciante piano di deportazione non avvenga
Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, gradisca, testimonianze | Tagged , , | Leave a comment

CIE di Torino. Ancora in sciopero della fame

Sabato 5 marzo. Al CIE di Torino, dopo la rivolta che ha mandato in fumo la sezione gialla, i reclusi sono in sciopero della fame da ormai cinque giorni.
La maggior parte di loro proviene dalle città costiere della Tunisia, dove si campa soprattutto di turismo. L’insurrezione che ha portato alla cacciata di Ben Alì e, la scorsa settimana, del suo successore Gannouci, ha messo in ginocchio l’economia di queste zone. Da qui l’esodo verso l’Europa. Molti contano di raggiungere in Francia parenti ed amici: qualcuno ce l’ha fatta, altri sono stati rinchiusi nei CIE, come quello di corso Brunelleschi. Tra loro, a quanto riferisce l’Unità, c’è anche un minorenne, che non l’ha dichiarato perché teme di essere separato dai propri amici.
Intanto ai valichi di frontiera tra l’Italia e la Francia si sta giocando una partita a ping pong dove le palline sono esseri umani rimbalzati da un lato all’altro del confine. Un confine ormai cancellato che torna ad innalzare le proprie barriere di fronte a uomini in fuga dalla miseria.
I trenta ragazzi rinchiusi nel CIE di Torino sono decisi a resistere: molti di loro hanno partecipato alla rivolta contro Ben Alì, assaporando il gusto della libertà, un gusto cui non sono disposti a rinunciare tanto facilmente. Non capiscono perché proprio a loro tocchino sei mesi in gabbia e poi la deportazione. Il governo italiano non sa che pesci prendere, teme perdere consensi e si muove a casaccio.
Dei tanti approdati a Lampedusa dalle coste tunisine alcuni ottengono asilo, ad altri viene dato il foglio di via e provano a saltare la frontiera con la Francia, altri ancora, come i trenta nel CIE di Torino, si guadagnano un soggiorno gratis dietro le sbarre.
Alcuni loro amici in Tunisia hanno aperto una pagina facebook dedicata a loro. Si chiama Guntanamo/Italia.
Leggi il bel reportage pubblicato su Fortresse Europe.
Continue reading

Posted in C.I.E., cronache, francia, rassegna stampa, testimonianze, torino | Tagged , , | Leave a comment

Primo marzo a Trieste

Le piazze del primo marzo triestino dovevano essere quattro ma la bora a 150 chilometri l’ora rendeva quasi impossibile uscire di casa. Nonostante il tempo inclemente in molti fra migranti e antirazzisti/e solidali si sono ritrovati in via delle Torri, per la manifestazione organizzata dal comitato Primo Marzo di Trieste. Nelle altre tre piazze ci sono stati distribuiti volantini ai pochi passanti infreddoliti.
Non sono mancanti gli interventi, fra cui quello della Tenda per la Pace e i Diritti di Monfalcone, che ha paventato il rischio che i richiedenti asilo ospitati nei vari CARA possano essere trasferiti in Sicilia, nell’area dell’ex base NATO.
Molto coinvolgente l’azione teatrale sul rapporto CIE/prigione, preparata per il primo marzo.
Per tutti l’appuntamento è sabato 12 marzo a davanti al CIE di Gradisca.
Continue reading

Posted in cronache, trieste | Tagged | Leave a comment