CIE di Torino. Sette giorni di sciopero della fame

Giovedì 9 dicembre. Hassan e l’altro tunisino rinchiusi al freddo in isolamento continuano lo sciopero della fame nel centro di corso Brunelleschi. Un paio di giorni fa Hassan ha ingoiato dei ferri. Per una settimana i due immigrati non erano stati né visitati né curati. Solo oggi sono stati portati all’ospedale, il “Martini” di via Tofane. Il medico che li ha visti – dopo aver parlato con Hassan – ha protestato con i guardiani. Al ritorno al CIE è stato loro promesso che il riscaldamento verrà riparato. La soluzione più semplice, quella di portarli in un reparto “normale” al caldo non è stata nemmeno presa in considerazione. È la vendetta di poliziotti e crocerossini verso chi si è ribellato. Non è bastata la dura condanna subita per la rivolta di luglio, un po’ di tortura non poteva mancare. Per carità niente di che: una tortura sotf, democratica. Il freddo, l’isolamento, l’indifferenza e, quando ci scappa ci scappa, una buona dose di legnate.

Aggiornamento al 10 dicembre. Hassan, sempre in sciopero della fame e con due bulloni nella pancia, sta male. Lui ed Abil sono ancora al freddo: il riscaldamento non è stato riparato. Chi vuole chiamare il CIE per dire la propria può chiamare questi numeri: 0115588778 – 0115589918 – 0115589815
Aggiornamento all’una di notte. Hassan è sempre più debole, fa fatica a parlare al telefono, la voce è flebile. A più riprese alcuni antirazzisti chiedono di lui all’ingresso: la polizia sostiene che tutto va bene, che lui dorme, che il medico è passato. Difficile non pensare alla notte del 23 maggio 2008, quando nessuno ascoltò le grida di chi chiedeva aiuto per un uomo che stava morendo. Il poliziotto, a sentirselo ricordare, si innervosisce.

Aggiornamento all’11 dicembre. Nono giorno di sciopero della fame. Il telefono di Hassan è spento: altri reclusi riferiscono che in mattinata è stato trasferito in ospedale, ma intorno alle 15 era di nuovo al CIE. In serata è svenuto ed è stato portato in infermeria.
Ore 23,40. Un’ambulanza a sirene spiegate ha portato via Hassan.

Domenica 12 dicembre ore 15,30 presidio solidale in piazza Castello angolo via Garibaldi. Alle 18 il presidio si sposta al CIE di corso Brunelleschi.

This entry was posted in C.I.E., cronache, torino and tagged , , , . Bookmark the permalink.