Gradisca. A terra, come bestie

Gradisca, 1 marzo. Il CIE è ormai inagibile da giorni: le rivolte e gli incendi della scorsa settimana hanno distrutto quasi tutto. Restano in piedi le aree comuni e una stanza da soli otto letti, per i cento immigrati.
Maroni non sa più che pesci prendere: i CIE sono stracolmi e non c’è più posto da nessuna parte. Ammettere il fallimento nelle politiche repressive verso i clandestini sarebbe uno smacco troppo grande per un Ministro dell’Interno leghista, che sulla “durezza” verso gli immigrati ha costruito gran parte delle proprie fortune. Per questo, infischiandosene allegramente delle condizioni di vita dei reclusi, Maroni fa finta che nulla sia capitato.
Maroni deve anche fare i conti con la Questura goriziana, che da tempo vuole che il CIE sia chiuso durante i lavori di ristrutturazione e mal tollera la scelta di mantenere comunque aperta la struttura.
Viene il dubbio che la scarsa solerzia dimostrata durante l’ultima rivolta – gli stessi reclusi davano per spariti i poliziotti – non sia stata del tutto casuale.
Domani i poliziotti dell’UGL faranno un presidio alla prefettura di Gorizia per protestare contro il mancato intervento del Viminale. Naturalmente agli uomini e alle donne in divisa non importa nulla degli immigrati: vorrebbero solo più personale, per evitare che tocchi a loro occuparsi di “questa tipologia di persone”. Una tipologia con spiccata attitudine alla resistenza, alla rivolta, alla libertà.
A rendere la vita difficile al povero Maroni ci si mettono anche gli antirazzisti, che provano a rompere il muro di silenzio che circonda i CIE.
Questa mattina sul sito di Fortress Europe sono comparse alcune foto scattate il primo marzo nel CIE di Gradisca. I prigionieri dormono e mangiano in terra, in giacigli di fortuna, come bestie.
Vale la pena di far girare queste immagini, perché tutti sappiano quello che succede all’interno dei moderni lager della democrazia.

E intanto in regione i compagni e le compagne del Coordinamento Libertario Regionale stanno spingendo con forza l’iniziativa pubblica del 12 marzo di fronte al CIE

Aggiornamento del 3 marzo: nel CIE la situazione è ancora pesante con i detenuti ammassati. La novità è che è scattato il divieto di fumo all’interno e quindi il divieto di tenere accendini. A giorni inoltre si saprà il nome del nuovo gestore. Anche i giornali locali hanno pubblicato le foto del CIE diffuse da Fortress Europe. Leggi qui la rassegna stampa.

Aggiornamento del 4 marzo: dopo il divieto di fumo e di tenere accendini è scattato il divieto di tenere i cellulari. E’ chiara la volontà di impedire che i reclusi raccontino ai compagni delle reti solidali quello che capita lì dentro

This entry was posted in C.I.E., cronache, gradisca, rassegna stampa and tagged , , , . Bookmark the permalink.